fbpx
Blog
Home Blog Venere: mitologia e corrispondenti astrologici

Venere: mitologia e corrispondenti astrologici

Venere è il secondo pianeta del sistema solare e non si allontana se non di 45° dal Sole: lo segue dopo il suo tramontare, o addirittura lo precede prima che esso sorga.

Greci e Latini credettero che si trattasse di due pianeti diversi e quindi la stella della sera era chiamata Vesper e quella del mattino Fosforos “apportatore di luce”; la scoperta dell’unicità dei due pianeti è attribuita a Pitagora.

Il mito di Venere

Presso i Greci Venere era considerata nella sua natura notturna Vesper protettrice degli amanti, e così fu associata alla dea dell’amore cioè ad Afrodite.

Afrodite per i greci e Venere per i latini. Afrodite era nata dalla spuma del mare (in greco afròs) come ricorda Esiodo nella “Teogonia”: infatti si dice che dai genitali recisi di Urano e dalla spuma così fecondata nacque la bellissima dea. Secondo Esiodo essa emerse dalla spuma del mare presso Cipro, quindi le si davano anche gli appellativi di ciprigna. Afrodite venne subito accolta a Cipro dalle Ore che erano le figlie di Temi (prima moglie di Zeus) che la rivestirono perché era emersa dalla conchiglia, nuda. Soltanto dopo essere stata vestita, ornata e incoronata, Afrodite venne introdotta fra gli dèi. La conchiglia fu da allora considerata un “animale” marino sacro dedicato alla grande dea dell’amore.

Venere fu data da Zeus in moglie ad Efesto. Tradì il marito bruttissimo ma geniale, con Ares che per i romani era Marte: dalla loro unione nacque la bella Armonia; oltre ad Armonia, figli di Ares/Marte e di Afrodite sono Fobos Deimos (cioè la “Paura”e lo “Spavento”) ed anche Eros e Anteros; (“Amore” e “Amore ricambiato”). Efesto, quando seppe del tradimento della moglie con Ares/Marte, si affrettò a far fare delle catene sottilissime come ragnatele, le applicò  ai sostegni del letto e finse di recarsi a Lemno.

Ares/Marte raggiunge subito la sua amante e appena i due si coricarono sul letto, le catene di Efesto li avvolsero in modo tale che non potevano più muoversi.

Arrivarono tutti gli dèi a schernirli ed essi, osservando il capolavoro creato da Efesto, risero dei due amanti. Efesto però poi acconsentì al desiderio di Poseidone di scioglierli.

Ares/Marte quindi fuggì e andò nel paese dei Traci, Afrodite invece a Cipro nel suo tempio di pace.

Importante anche la storia di Paride, che è collegata a quella di Afrodite. Paride era il secondo figlio del re Priamo e della regina Ecuba. Chiamato come giudice nella gara di bellezza fra Afrodite, Atena ed Era, diede il premio ad Afrodite perché gli aveva promesso in sposa Elena, moglie del re di Sparta Menelao, donna bellissima.

Paride si recò a Sparta e riuscì a rapire Elena che, invaghitasi di lui per volere della dea, lo seguì fino a Troia; questo fu causa della spedizione punitiva dei Greci e della distruzione della città.

Nella guerra che seguì, Paride non si comportò certo da coraggioso; durante il duello con Menelao fu salvato da Afrodite che lo avvolse in una nuvola e se è vero che fu Paride ad uccidere Achille colpendolo nel suo tallone vulnerabile, egli morì poi avvelenato da una delle frecce di Filottete.

Amata dagli dèi e dai mortali, Afrodite/Venere, oltre ai figli che diede ad Ares/Marte, ebbe Enea dall’eroe Anchise e amò anche il bellissimo Adone. Venere era molto potente, tra gli altri titoli che le sono stati attribuiti c’erano quelli di Pandemia (era epiteto di Eros e di Afrodite, in quanto divinità dell’amore sessuale) e di Urania.

A Venere erano sacri il cigno, la colomba, la lepre, la tartaruga e la conchiglia marina. Tra i fiori: il mirto, la rosa, il melo cotogno e il papavero.

Venere ha il domicilio diurno nel segno della Bilancia e quello notturno nel segno del Toro; elemento di Venere è l’Aria e insieme a Saturno (in esaltazione) protegge i nativi della Bilancia.

Il pianeta indica il tuo grado d’affettività, le capacità di amore insite in te, quanto sei in grado di dare e anche di ricevere sul piano dei sentimenti; simboleggia le sorelle, le figlie, le amiche, le innamorate; impiega un anno intero per compiere la sua rivoluzione, il suo metallo è il rame, il suo colore è l’azzurro.

Venere ha il suo governo sulle ghiandole interne, sul sangue, sulle ovaie e sugli ormoni femminili.

Se in un oroscopo Venere è positiva, dona bontà, tenerezza, senso dell’armonia, amore della pace, spirito conciliante e gentile; quando invece è negativa, dà gelosia, smodata ricerca dei piaceri carnali, pigrizia, amore per il lusso.

Il segno grafico di Venere è una specie di Sole, cioè un cerchio rotondo, con una croce appesa rivolta verso il basso: una certa tradizione cristiana vede in questo geroglifico un simbolo della prevalenza carnale, cioè il cerchio prevarrebbe sulla croce, che invece viene ricacciata nell’inconscio; così scrive anche Roberto Sicuteri nel suo libro Astrologia e Mito (Roma, Astrolabio, 1978).

Però io aggiungo che può anche capovolgersi il significato, cioè può essere più importante la croce rispetto al cerchio; in questo caso l’aspetto spirituale e mistico di Venere, rappresentato dalla croce, prevarrebbe su quello rappresentato dalla carnalità dell’essere umano e dalla libido, cioè sul cerchio.

Venere compare nel Canto VIII del Paradiso (vv, 1-30). Dante è con Beatrice nel Terzo Cielo, dove gli vengono mostrate le anime di coloro che in terra operarono sotto l’influsso del “bel pianeta che d’amore conforta …”

Dante non si è accorto di essere salito ancora più in alto nell’Empireo, ma vede Beatrice farsi ancor più bella e splendente: allora si rende conto di trovarsi nel Cielo di Venere. Su uno sfondo di luce uniforme spiccano splendori in movimento, come le faville in una fiamma, o come una luce che moduli distintamente in mezzo a un coro polifonico. Le anime viste giungere in prossimità di Dante e Beatrice, interrompono il movimento circolare da esse iniziato nell’Empireo e proseguono poi nel cielo di Venere per accorrere incontro ai due pellegrini, festose e amorevoli.

Per i miei prossimi corsi di Reiki    CLICCA QUI

Per  le mie consulenze astrologiche CLICCA QUI

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.