fbpx

compassione

Home compassione

Luna Piena in Pesci il 14 settembre: lascia andare la sofferenza attraverso il perdono e non solo

Per chi di voi ama pianificare ogni sua mossa su un foglio di calcolo Excel, mi dispiace dirti che questa energia della Luna in Pesci se la ride di gusto. Invece di tentare di indirizzare l'Universo come e dove vuoi tu, invece di lasciarti condurre dal suo infallibile fiuto, presta attenzione alle occasioni che ti si parano davanti: i miracoli possono accadere. Dal momento che i Pleniluni sono come dei riflettori celesti giganti, questo potrebbe avere una buona influenza su una parte della tua vita in cui ti senti bloccato. Certo che se non hai dato retta alle tue giuste intuizioni per molto tempo questa energia lunare ti ricorda di prestarci profondamente attenzione. Qui di seguito, alcuni suggerimenti da tenere in considerazione nelle prossime due settimane circa, fino alla riprogrammazione dei tuoi obiettivi durante la fase di Luna Nuova che si avrà il 28 di settembre in Bilancia.
LEGGI

Luna Piena e Buon Natale 2018

La Luna Piena, dunque, sestile a Urano porta stimolanti incontri personali ed eventi emozionanti. Questa è un buon aspetto per provare qualcosa di nuovo nella tua routine domestica e nella tua vita personale. L’ intuizione è più ricettiva del solito e può guidarti ad afferrare decisioni rapide su quale strada intraprendere insieme. Segui il tuo istinto e sfrutta al massimo le opportunità che ti capitano.
LEGGI

Luna Piena in Vergine: non ho mai cercato la felicità. È stata lei a venire da me.

Per prepararsi ad accogliere la Luna Piena è necessario meditare sugli obiettivi che ti sei data durante l’ultima Luna Piena del 15 febbraio e se ci sono ancora “debiti” in sospeso chiudi il cerchio perché è il momento del raccolto. Tuttavia, l’effetto di un eclissi continua per sei mesi quindi i tuoi obiettivi saranno pienamente completati a cui va aggiunto l’effetto energetico della Luna Piena che dura due settimane fino alla prossima Luna Nuova, del 17 marzo prossimo.
LEGGI

Il Primo Livello (Shoden)

Chiudere gli occhi significa affidarsi alla vita, lasciare andare il controllo, rinunciare a valutare ogni avvenimento dal punto di vista puramente razionale; congiungere le mani all’altezza del cuore ci ricorda l’atto a volte dimenticato della preghiera e ci invita a riconoscere che l’unità è dentro di noi e si chiama Amore: le piante dei piedi ben aderenti al suolo ci ricordano che è sempre bene tenere i piedi per terra, essere presenti anche nel piano materiale e fisico.
LEGGI