Blog
Home 2017 dicembre 04 Blog Il Turchese come portafortuna: un regalo molto amato dal segno del Sagittario

Il Turchese come portafortuna: un regalo molto amato dal segno del Sagittario

Il turchese è considerato da alcuni come un simbolo di buona fortuna e di successo perché porta prosperità a chi lo indossa. Nel linguaggio dei chimici e dei geologi il turchese è noto come “fosfato di alluminio di rame”.

Il turchese si trova spesso nella roccia ignea alterata dagli agenti atmosferici che contiene minerali di rame, dove si cristallizza in vene e noduli.

La pietra preziosa di solito si sviluppa nei pressi delle falde acquifere, situate in ambienti semiaridi e aridi. Le sostanze chimiche del turchese provengono dalla roccia battuta dalla pioggia e dalle falde acquifere.

Il turchese è una gemma relativamente morbida e può essere facilmente tagliata.

Questa pietra opaca porosa è facilmente scolorita dall’olio e dai pigmenti e cambia colore quando perde parte del suo contenuto d’acqua. Una tonalità blu cielo nel turchese è dovuta alla presenza di rame, mentre il ferro conferisce un tono più verde.

Le vene ocra e bruno-nere nella pietra si verificano durante la formazione del turchese, causata da inserimenti di frammenti di roccia vicini o dalla colorazione dell’ossido. La varietà più pregiata di turchese è di un intenso colore blu cielo, come il colore dell’uovo di un pettirosso.

Le pietre compatte dure relativamente non porose, hanno l’aspetto migliore perché la pietra può essere finemente levigata. Le varietà pallide e gessose tuttavia sono talvolta impregnate di olio, paraffina, plastica liquida e glicerina per dargli una buona lucentezza.

Questa pietra può essere trovata in Armenia, Kazakistan, Cina, Australia, Tibet, Cina, Messico, Brasile ed Egitto. In Iran, dove si trovano alcune delle migliori pietre il turchese è la gemma nazionale.

Il sud-ovest americano, il Nevada, l’Arizona, il Colorado, il New Mexico e la California, sono i principali produttori di turchese. Gran parte degli esemplari ha un colore chiaro ed é porosa e gessosa e solo il 10% circa ha le caratteristiche della “gemma” del turchese.

Si ritiene che il suo nome derivi dalla frase francese “pierre turquoise” che significa “pietra turca” perché il turchese fu portato in Europa dai mercanti veneziani che lo acquistarono per la prima volta nei bazar turchi.

È anche considerato pegno d’amore. Quando viene ricevuto come dono, il turchese simboleggia un pegno d’affetto. Shakespeare l’ha usato nel “Il mercante di Venezia”. Leah ha dato un anello turchese a Shylock quando era scapolo sperando che così avrebbe chiesto a lei di sposarlo.
In Russia, il turchese è comunemente usato nelle fedi nuziali.

Il turchese è una delle prime pietre conosciute e utilizzate in gioielleria.

I faraoni in Egitto li indossavano. Una tomba portata alla luce nel 1900 conteneva i resti mummificati della regina Zer, che regnò nel 5500 a. C.; trovati sul suo braccio c’erano quattro magnifici braccialetti con splendidi turchesi.

Perle che risalgono al 5000 a.C. sono state trovate in Mesopotamia (ora Iraq). In Iran, il turchese era la pietra preziosa nazionale, adornando troni, pugnali, elfi di spada, orpelli di cavalli, ciotole, tazze e oggetti ornamentali. I funzionari anziani indossavano sigilli turchesi decorati con perle e rubini.

Nel 7 ° secolo d.C., pietre di turchese incise con testi del Corano e proverbi persiani erano apprezzatissimi amuleti.

Fu usato come gioielleria nell’antica Siberia, intorno al V e al VI secolo a.C.

Durante il Medioevo venivano comunemente usati come decorazione di vasi e copertine per i manoscritti. Ed è stato di nuovo popolare come gioielleria durante il Rinascimento.

È stato anche trovato in antichi siti di sepoltura in Argentina, Bolivia, Cile, Perù, Messico e America Centrale. Gli Incas fabbricavano con esso perline e figurine stilizzate e gli Aztechi produssero ciondoli e maschere rituali.

Il turchese ha una ricca storia nel sud-ovest americano. I nativi americani hanno usato questa pietra preziosa per creare magnifici gioielli e pezzi ornamentali negli ultimi millenni. Si chiamava “Chal-cui-hui-tal”, che significava “la cosa più alta e più apprezzata del mondo”.

Gli indiani Zuni, Hopi, Pueblo e Navajo realizzarono magnifiche collane, orecchini pendenti e anelli. Il blu nella pietra turchese simboleggiava i Cieli, e il verde simboleggiava la Terra. Le pietre erano usate dagli uomini di medicina per i loro riti sciamanici.

I Navajo credevano che pezzetti di turchese gettati in un fiume mentre offrivano una preghiera al dio della pioggia, avrebbero portato finalmente il temporale.

La tradizione Apache sosteneva che un turchese attaccato ad un arco o a una pistola avrebbe assicurato una mira precisa.

Ci sono molte superstizioni associate al turchese. Nel terzo secolo si credeva che proteggesse il suo proprietario dalla caduta da cavallo. Un cambiamento di colore rivelò l’infedeltà di una moglie. Gli scritti arabi del XII secolo dicevano “Il turchese brilla quando l’aria è pura e diventa pallida quando è fioca”.

Credevano anche che il suo colore cambiasse con la temperatura. I persiani hanno detto che il riflesso della luna nuova su una pietra turchese porta fortuna e ci difende dal male
(tienilo presente)

Si diceva che avesse un effetto curativo sugli occhi, solo osservandolo curava l’occhio, mentre appoggiandolo su un occhio infiammato era capace di guarirlo.

Un filosofo del XV secolo attribuiva il suo cambiamento di colore alla sua capacità di attirare il veleno e di pulire l’ambiente dalle tossicità.

Era un barometro della salute del suo utilizzatore, impallidendo nella malattia e perdendo colore nella morte, ma riguadagnando la sua bellezza originale nelle mani di un nuovo e sano proprietario.

Questa pietra meravigliosa dovremmo indossarla tutti perché porta positività e non solo al Sagittario ma anche a tutti noi altri segni zodiacali perché qualcosa in Sagittario lo abbiamo pure noi: o una casa astrologica oppure un pianeta.